Venerdì, 15 Novembre 2019 10:38

148 - 15 Novembre 2019

Vota questo articolo
(0 Voti)

«Crediamo che la musica possa essere un mezzo per trovare una convergenza in momenti di difficoltà. Oggi, la scienza è spesso accusata di allontanarsi dalla popolazione e gli scienziati sono percepiti come abitanti di alte torri d’avorio. Alcuni di questi abitanti delle torri d’avorio sembrano veramente strani e interi settori della società pensano che siano dei banditi. È tempo che comunichiamo al pubblico che la scienza è ispirazione, determinazione e passione, grazie alla quale puntiamo ad un domani sostenibile e più bello.» Le parole di Ilaria Capua invitano a visualizzare il video Beautiful Science, un video che celebra la scienza, gli scienziati e la passione che essi hanno per il proprio lavoro. Utilizzando la canzone “Vivo per lei”, cantata da Bocelli e Giorgia, fa intendere che “lei” non sia la musica (come intendevano i due cantanti quando la canzone è uscita nel 1995), ma la scienza che ci può regalare intense emozioni esattamente come la musica. L’obiettivo di Ilaria Capua è di raggiungere il milione di visualizzazioni in un anno: basta guardare il video, condividerlo con un link su Twitter o Facebook e con l’ashtag #BeautifulScience spiegare cosa significhi per voi la scienza.

Va in questa direzione anche il Carnevale della Matematica di Novembre, visto che parla di divulgazione. Sul tema si sono espressi Sandra Lucente e Marco Fulvio Barozzi, che hanno voluto dare un particolare rilievo ad una parola della matematica, algoritmo: “Chi la usa saprebbe dire cosa significa?”. Leggendo gli esempi di come è stata usata, questo dubbio sorge spontaneo. Il racconto è davvero simpatico, anche se, per i matematici, diventa una risata a denti stretti.

Sempre nell’ambito del Carnevale della Matematica, Nicola Ciccoli condivide, sulle pagine di MaddMaths!, una riflessione sulla sua percezione della matematica: prima stregato dal tripudio di simboli, Ciccoli ha colto poi come la matematica sia in realtà popolata di persone. Tanto che ora pensa «che comunicare sia non solo un piacere ma un pezzo essenziale del nostro essere matematici nel mondo».

In questi tempi di divulgazione a tutti i livelli, la matematica ha trovato spazio anche tra le pagine del fumetto di Topolino (il numero 3336 del 30 ottobre). La storia «Zio Paperone e il cavatappi quadridimensionale» ha per protagonista Alessio Figalli, medaglia Fields 2018, sotto le mentite spoglie del papero Phil Gallis. La storia è davvero piacevole e nasconde al suo interno tante piccole perle di saggezza: nell’articolo di MaddMaths!, ad esempio, compare una delle vignette, quella in cui Phil Gallis sottolinea che «Dai fallimenti si impara più che dai successi!». «La storia permette di raccontare in modo avvincente alcune cose del lavoro vero di Alessio Figalli nel trasporto ottimale, e allo stesso tempo presentare squarci visionari, grazie all’arte sopraffina di Paolo Mottura, di quello che potrebbe essere una nostra visita nella quarta dimensione. La sceneggiatura di Francesco Artibani guida il lettore con dialoghi avvincenti, in cui alcune frasi veramente dette da Alessio sono riprese e danno una visione molto realistica di come si svolga veramente la ricerca matematica.» Se volete invece avere un’idea di come sia Alessio Figalli, quello vero, soprattutto dopo il conferimento della Medaglia Fields, non vi resta che leggere l’intervista che gli ha fatto Roberto Natalini. «Personalmente, quello che ho cercato sempre di trasmettere nei miei interventi è l’idea che la matematica è una disciplina che ha anche delle applicazioni, è basata sulla creatività ed è pure divertente.», dice Figalli a proposito della divulgazione.

Da più parti si continua a sottolineare come le competenze matematiche siano necessarie nell’odierna società, tanto che proprio oggi Domingo Paola, docente vincitore del Premio de Finetti dell’Unione Matematica Italiana, incontra gli studenti del Liceo Gobetti di Cenova per rispondere alla domanda “Perché la matematica è così difficile?”. «Le ragioni delle difficoltà che molte persone incontrano nell’apprendimento della matematica, secondo Paola, sono molteplici e di diversa natura», ma evidentemente, come sottolinea l’ultima ricerca della Carniege Mellon University, non sono imputabili al genere dello studente. Strumia, docente di fisica teorica dell’Università di Pisa, che l’anno scorso aveva alzato un polverone sostenendo in un seminario al CERN che la fisica era una questione da uomini, «ha cercato di difendersi conducendo una ricerca che sarà pubblicata sulle pagine di Quantitative Science Studies». La risposta migliore arriva proprio dal CERN, con la riconferma, non prevista finora nello statuto, di Fabiola Gianotti come direttore generale. Bellissime le congratulazioni su Twitter di Elena Bonetti, Ministro per le pari opportunità e la famiglia e dal 2016 professore associato di Analisi Matematica presso l’Università degli Studi di Milano: «per l’Italia e l’Europa una bella notizia, che spero incoraggerà tante giovani studentesse ad avvicinarsi alla scienza. Abbiamo bisogno delle donne e del loro talento scientifico!»

Marco Fulvio Barozzi (in arte Popinga), insegnante ora in pensione, ci delizia con racconti interessanti e curiosi come la storia del matematico Guglielmo Libri. La lettura di questa biografia è particolarmente consigliata, visto che Libri non è stato solo un matematico, ma anche un bibliofilo e... un ladro! «Come dobbiamo considerare i contributi di Libri sapendo che in effetti era un ladro e un falsario? Le due aste del 1861 comprendevano testi fondamentali originali, molti dei quali con lunghe note esplicative: senza la sua insana passione per il possesso di queste opere, probabilmente la nostra conoscenza di parti della storia della scienza sarebbe lacunosa. Può essere irritante sapere che egli li mise a disposizione per tornaconto personale (le due aste gli fruttarono l’enorme cifra di un milione di franchi), e il nostro giudizio morale non può essere indulgente, ma è indubbio che egli diede un grande impulso al collezionismo dei libri scientifici.».

Concludo con una notizia davvero interessante, che riguarda l’interazione della matematica con discipline… insospettabili! Sandra Lucente, ricercatrice di analisi matematica presso l’Università degli Studi di Bari, ha avuto l’occasione di vedere un utilizzo originale di tutti i suoi studi su Matera dal punto di vista matematico: la lettura dei suoi lavori è stata di ispirazione per alcune studentesse dell’Istituto Alberghiero di Molfetta, che, giocando con il concetto di area, volume e frattali, hanno vinto il premio “Bruno Rizzi” 2019, indetto dalla Mathesis Nazionale.

In epoca di fake news, potrebbe essere interessante appendere in classe questa info grafica, realizzata dal giornalista e disegnatore David McCandless, 52 dei miti e credenze più comuni. Il cartellone è organizzato per colori, ad esempio l’arancio indica i preconcetti sul cibo e il verde quelli sulla natura, mentre la grandezza del disegno ne indica il livello di diffusione, partendo dal numero di ricerche effettuate sull’argomento su Google.

 

Buona matematica! Ci sentiamo tra TRE settimane!

Daniela

Letto 230 volte Ultima modifica il Venerdì, 15 Novembre 2019 21:03

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.